La Favò

 

La Favò è il piatto principe di Ozein, a base di pasta pane nero fontina e fave.

Piatto povero, della tradizione dei nostri nonni, saporito e completo. A fine luglio da piu di vent’anni si festeggia nel borgo di Ozein pasteggiando con questa deliziosa zuppa. Al bistrot potrete degustare questo piatto sia che voi siate celiaci vegetariani o intolleranti al lattosio, lo chef propone tutte le varianti del caso per accontentare i vostri palati!

Ecco la tradizionale ricetta:

Beutté couiye de fave dedeun an marmitta avoui d’ève e eun blos de sò. Quan le fave son méitchà couette, lèi djeundre tchica de pate-vète ( de pate reguéye ato la borna i mèntèn). Quand lo tot lé couet, eun toute la marmitta di fouà é eun lèi djeun de fromadzo fontina que fé le cordaille. Dedeun an pila, eun fé frie de beuro còlo avoui de branlette é de pan nir tzaplò a bocon, eun lo vouidze dessù lo fromadzo avoui tchica de-s-épice é eun lo modde bien. Beutté torna la marmitta su lo fouà pe catche meneutta é la favò lé presta!

Mettere a cuocere delle fave in una pentola con acqua salata. A metà cottura, aggiungere pasta a forma di ditali. quando il tutto è cotto, togliere la pentola dal fuoco e aggiungere fontina a pezzetti. Friggere a parte in una padella del burro fuso e pane nero a pezzetti, versare il tutto nella pentola, aggiungere un po di spezie e mescolare bene. Rimettere la pentola sul fuoco per qualche minuto e servire, la favò é pronta!

IMG_0135.JPG